Prestito Cambializzato Cattivi Pagatori

Il Prestito Cambializzato a Cattivi Pagatori

Il prestito cambializzato è una tipologia di finanziamento accessibile anche a chi ha avuto in passato segnalazioni per ritardi e mancati pagamenti e risulta quindi un cattivo pagatore.

I prestiti cambializzati ai cattivi pagatori possono essere, in casi eccezionali, lunica forma di finanziamento possibile. Attualmente non siamo in grado di fornire un elenco di società finanziarie che concedono prestiti cambializzati, tuttavia la richiesta può essere presentata nelle agenzie di credito del territorio o alle società finanziarie online, mentre è molto difficile che gli istituti di credito attivino tale forma di prestito.

In alcuni casi per essere finanziati i cattivi pagatori devono attivare unipoteca sullimmobile di proprietà o presentare una terza persona come garante a garanzia del prestito richiesto.

Per un prestito cambializzato i cattivi pagatori possono essere finanziati per importi compresi tra i 2000 e 75000 euro circa.
Limporto richiesto e finanziato viene erogato al cattivo pagatore in una decina di giorni lavorativi a fare data dalla firma del contratto attraverso assegno circolare o bonifico bancario in una unica soluzione, solo a volte si può ottenere un piccolo acconto sul totale.

Per quel che riguarda il rimborso dei prestiti, invece, in base allimporto prestato può variare tra i 12 ed i 120 mesi (da 1 anno a 10 anni) tramite il pagamento di cambiali scadenziate mensilmente. In sede di firma contrattuale il cattivo pagatore beneficiario del prestito può scegliere listituto al quale appoggiarsi per il rimborso che non deve essere necessariamente il proprio di fiducia.
Il piano di ammortamento di un prestito cambializzato può essere a rata e tasso fisso o variabile, ma per comodità delle due parti viene quasi sempre scelto il primo enunciato.

La rata del prestito con cambiali è la somma della quota capitale e della quota di interessi maturati. In alcuni casi nella rata viene sommata una quota assicurativa a copertura di rischio vita e rischio impiego e le eventuali spese di istruttoria.

Listituto scelto provvederà mensilmente ad avvisare il cattivo pagatore dellimminente scadenza della rata mensile. In caso di ritardo o mancato pagamento di una o più cambiali comporterà azioni giudiziarie pressoché immediate.

Come ogni genere di prestito, anche il prestito cambializzato a cattivi pagatori può essere estinto in anticipo, senza penali, come da istruzioni riportate sul conteggio estintivo rilasciato in ogni momento dallente erogante.

Prestiti con Delega di Pagamento

I prestiti delega, o doppio quinto, sono prodotti non finalizzati che servono ad ottenere liquidità aggiuntive in caso di prestiti già in corso.

Si parla di prestito non finalizzato, poiché il lavoratore non deve specificare le finalità dell’importo preso in prestito. Tutti i lavoratori possono richiedere il prestito delega, ammesso che abbiano una certa anzianità lavorativa (minimo 5 mesi per gli statali, 1 anno per i lavoratori di aziende private).

Il pagamento del prestito prevede, in base all’ente che lo eroga, una tempistica da 1 a 10 anni, e la rata viene calcolata in base allo stipendio del soggetto richiedente ed alla quota prevista dal prestito già in corso, in ogni caso, anche la nuova rata viene addebitata automaticamente sulla busta paga, così il debitore non ha scadenze da ricordare perché tutto avviene senza un suo intervento, che non sia quello di autorizzare la trattenuta.

Per le altre caratteristiche anche il prestito delega segue le norme che disciplinano solitamente la cessione del quinto tradizionale, calcolando però una rata pari al 2/5 dello stipendio netto mensile. La documentazione richiesta per il prestito delega contempla solitamente la carta di Identità, il codice fiscale, l’ultima busta paga e l’ultimo modello CUD.

L’importo minimo erogabile tramite prestito delega è generalmente di appena 2500 euro, l’importo massimo erogabile può arrivare, in base all’ente a cui si fa riferimento, a 75000 euro, a tasso fisso con interessi costanti nel tempo.

Il rimborso può avvenire  tra i 12 ed i 120 mesi consecutivi, e solitamente il prestito viene erogato entro i 10 giorni lavoratovi, eccetto che si presentino seri impedimenti burocratici a rallentare o bloccare la valutazione del candidato.

Solitamente le società che erogano il prestito delega nei tempi più brevi sono quelle che operano principalmente o esclusivamente online, ma sulla rete è possibile reperire preventivi ed informazioni aggiuntive su tutti gli altri enti creditizi, in modo da avere davanti una buona rosa di alternative tra cui scegliere il prestito delega più adatto alle proprie esigenze.

Il prestito delega è solitamente riservato ai  lavoratori dipendenti presenti in tutta Italia e, se questi non dovessero avere almeno sei 6 mesi di anzianità lavorativa, sono previsti accorgimenti cautelativi, come la firma di un garante terzo, che possa assumesi l’impegno di coprire eventuali insoluti, o la sottoscrizione di una polizza assicurativa sulla vita o sull’impiego.